Tra il codice e la realtà » Nessuno è colpevole